HOME | METEO | CONTATTI | PRIVACY & COPYRIGHT  | NEWS |

 

Gallipoliwebcam
Cam 1
Lungomare G.Gallilei
 
cam2
Riviera N. Sauro - Bastione
 
Cam 3
litoranea lungomare G. Galilei
 
Cam 4
Isola di S. Andrea
 
Cam 5

spiaggia della Purita'

 
Cam 6

spiaggia della Purita'

 
Cam 7
Via A. De Pace
 
Cam 8
Parco Via Firenze
 
Cam 9
Particciolo Seno Canneto
 
 
 
 
 


sostieni questo sito

  Gallipoli   |  panorama - Porticciolo San Giorgio e la Spiaggia della Purità - immagine in diretta live - webcam Mobotix

immagine in diretta live - Gallipoli (Lecce) torrione San Benedetto


Visualizzazione ingrandita immagine
ore 00:00 ore 01:00 ore 02:00 ore 03:00 ore 04:00 ore 05:00
ore 06:00 ore 07:00 ore 08:00 ore 09:00 ore 10:00 ore 11:00
ore 12:00 ore 13:00 ore 14:00 ore 15:00 ore 16:00 ore 17:00
ore 18:00 ore 19:00 ore 20:00 ore 21:00 ore 22:00 ore 23:00

archivio storico immagini SLIDESHOW


Play 24 hour timelapse
Play 30 day timelapse
  
Spiaggia della Purità, torrione San Benedetto - molo San Giorgio
Gallipoli - archivio storico immagini web

Storia :La leggenda narra che proprio in questa spiaggia fu ritrovata la mammella di Sant'Agata, divenuta poi la protettrice della Città.

Una donna si recò come ogni giorno in quella spiaggia per lavare i panni, recando in braccio la sua bambina ancora lattante. Dopo aver lavato i panni, la donna si addormentò in spiaggia, lasciando la sua piccola seduta sulla sabbia. La bimba, affamata, gattonò sulla sabbia e, trovata la reliquia, se la mise in bocca. La madre sognò una vergine luminosa che le diceva: "Tua figlia ha messo in bocca la mia mammella!". La donna si destò immediatamente e vide che il sogno rispondeva a verità. Invano cercò di strapparle la mammella dalla bocca e invano vi tentarono le tante altre persone che ben presto fecero capannello. Si pensò subito a qualcosa di prodigioso e venne informato il vescovo della diocesi Baldrico, il quale giunse immediatamente insieme ad alcuni sacerdoti. Poichè la bimba non accennava ad aprire la sua bocca, fu condotta nel duomo, dove venero cantate le litanie dei santi. Appena fu pronunciato il nome di S. Agata, la bimba lasciò cadere la mammella dalla sua bocca. Subito si gridò al miracolo. Pochi giorni dopo, giunsero le novità da Catania e si potè ricostruire l'accaduto nella sua interezza: ormai non v'erano dubbi circa l'identità della mammella! Così Sant'Agata divene nostra patrona

 

Gallipoli (Le) Italy - Riviera Nazario Sauro - seno della Purità

Copyright © Gallipoliwebcam -